gianni cambiaso


Vai ai contenuti

Crisi decisionali

PSICOTERAPIA FOCALE DELLE CRISI DECISIONALI


La "scelta" è un'operazione tesa a dividere quanto piace da quanto desideriamo scartare e l'etimologia di "decidere" deriva dal latino caedere (tagliare) a cui viene posto il prefisso de, preposizione relativa all'allontanamento: cioè "tagliare via". La scelta, che ogni decisione comporta, porta con sè l'acquisizione di qualcosa ma anche la perdita di qualcosaltro.L'intervento psicoterapeutico focale relativo al tema della scelta e della decisone, partendo dalla storia del paziente analizza la genesi delle sue tipiche strategie decisionali con relativi punti di forza e punti di fragilità, i motivi che rendono queste strategie insodisfaccenti o inadeguate di fronte ad una scelta particolare, e le sottostanti ragioni del conflitto decisionale in termini di paure e desideri.Il momento della decisione attiva una fase incerta e caratterizzata dalla complessità, una fase che spesso alberga in un'area di confine situata tra l'ordine e il caos. el momento della decisione - come nel momento della complessità - alcuni eventi si realizzano, altri restano tagliati fuori. Con il compiersi di determinate possibilità emergono nuove configurazioni che impongono vincoli inattesi ma aprono anche orizzonti sconosciuti. Sebbene le decisioni libere siano sempre imprescindibili, non sono mai indipendenti da un certo determinismo. La decisione, di conseguenza, è il risultato di un'interazione fra destino e libertà; circostanze che si sottraggono al nostro controllo ci portano di fronte a un bivio, dove una decisione deve essere presa. A mano a mano che il momento della decisione si avvicina, la certezza diventa un vago ricordo e l'equilibrio rimane un sogno lontano. Questo incrocio decisivo è ciò che i teorici del caos definiscono un "punto di biforcazione", dove il sistema si apre a due diverse alternative o "scelte". Nella sua analisi della termodinamica del non equilibrio, Prigogine, dimostra che c'è un rapporto diretto fra il punto di biforcazione e la rottura di simmetria che si verifica in sistemi apparentemente in equilibrio. I sistemi lontano dall'equilibrio si avvicinano al punto di transizione fra due modelli o ordini alternativi, dove il cambiamento avviene quando si dissolve la simmetri organizzativa della struttura … Una volta che la simmetria è infranta e l'equilibrio perduto, le biforcazioni possono precipitare fino a rasentare la perdita totale di controllo … Anche se sappiamo che ogni decisione ha le sue conseguenze, non sapremo mai quali siano le conseguenze di una determinata decisione prima che avvenga il salto. Come Kirkegaard ha ripetutamente sottolineato, nessuno sguardo retrospettivo, per quanto penetrante, può cancellare l'incertezza del momento della decisione …Il momento della decisione è sempre un momento complesso, in cui i vecchi modelli cedono il passo ai nuovi.(Cfr. M.C. Taylor, Il momento della complessità - L'emergere di una cultura a rete, Codice edizioni, p. 192-194 )

HOME PAGE | Chi sono | Modello clinico | Terapia individuale | Terapia familiare | Argomenti | Disturbi di personalità | Tossicodipendenze | Crisi decisionali | Mappa del sito


Ultimo aggiornamento: 04 gen 2013 | mailcamb@gmail.com

Torna ai contenuti | Torna al menu